Laguna di Mistras

Laguna di Mistras

La Laguna di Mistras è localizzata nella parte nord-occidentale del Golfo di Oristano, a ridosso dell’abitato di San Giovanni di Sinis e dello Stagno di Cabras.
Prima del 1970 era collegata allo Stagno di Cabras, poi venne costruito il Canale scolmatore per ovviare allo straripamento delle acque dello stagno nell’abitato circostante durante i periodi di piena. Oggi Mistras risulta collegata col mare tramite una bocca e alcuni canali che consentono il deflusso delle acque dallo stagno. Tale sistema è stato modificato periodicamente dall’uomo per renderlo funzionale alla pesca, sfruttando gli spostamenti del pesce tra il mare e la laguna.
L’area che si sviluppa subito a sud della laguna di Mistras è caratterizzata dalla presenza dei piccoli Pauli di Su Pizzinnu Mortu e S’Argiolas, dove le acque meteoriche, raccolte durante la stagione delle piogge, evaporando nella stagione secca, danno luogo a crostoni di sale.
La zona di Mar’e Pontis costituisce la via di congiunzione tra lo Stagno di Cabras e il mare. All’interno dei limiti dell’area SIC, sono presenti anche un porticciolo turistico, a Torregrande e un piccolo scivolo di alaggio a Mare Morto. La zona di Barras Su Siccu e dello Scolmatore sono utilizzate come zona di ormeggio per alcune piccole imbarcazioni usate per la pesca.
La laguna di Mistras, di proprietà privata, è utilizzata da una Cooperativa ai fini dell’acquacoltura e della pesca.
Inserita nella Convenzione di Ramsar per 680 ha, la Laguna di Mistras è anche SIC “Stagno di Mistras di Oristano” (ITB030034) e ZPS “Stagno di Mistras” (ITB034006).
L’area risulta chiusa alla caccia grazie alla presenza dell’Oasi di protezione faunistica Mistras.